La bussola d’oro

Torniamo al mio genere preferito: il fantasy. Il primo romanzo della trilogia Queste oscure materie, scritta da Philip Pullman, non è che la punta dell’iceberg di quella che mi è sembrata una delle narrazioni più immaginifiche tra quelle che ho letto.

Un fantasy che riesce a mescolare scienza, religione e magia in una miscela ipnotizzante, in particolare per gli amanti del genere, ma capace di non lasciare indifferente nessuno. Questo primo volume riesce a sollevare molta curiosità e perplessità ed è forse questa capacità ad invogliare la lettura del seguito: molte sono infatti le questioni rese meglio comprensibili solo nei seguiti.

Il lungometraggio che ne è stato tratto nel 2007, diretto da Chris Weitz, perde completamente l’essenza che rende il libro così apprezzabile. Nonostante la decisione di non inserire gli ultimi capitoli nella sceneggiatura, il film può essere considerato molto fedele al testo scritto ma del tutto incapace di distinguersi dalla massa di film per ragazzi appartenenti al genere.

Neanche la solitamente notevole Nicole Kidman riesce a dare un tocco speciale alla versione cinematografica, come se lo scopo del regista fosse quello di realizzare un’opera mediocre, riuscendo così da assicurarsi un discreto successo senza rischiare di realizzare qualcosa di veramente “fuori dal coro”.
E ci ritroviamo con un fondo di bottiglia, anziché un brillante.

La bussola d’oro, libro o film? Libro.

Annunci

Tag: , ,

2 Risposte to “La bussola d’oro”

  1. Gigi Says:

    Il collegamento religione, scienza e magia spicca, seppur flebilmente, anche nel film…Non mi ha esaltato la pellicola ma, ammetto che, essendo appassionato del genere, questa “chicca” mi aveva quasi convinto a leggere i libri…Peccato che l’incisività del film è talmente bassa da affievolirsi non appena si esce dalla sala dimenticandosi quasi subito ogni cosa del film e della storia narrata! :S

  2. babilegolas Says:

    Letto il libro e visto il film …. resto un po perplessa per entrambi .
    Il libro è molto lento, cerca di spiegare argomenti che secondo me sono molto lontani dalle conoscenze dell’autore stesso.
    Si cerca di parlare di religione e di crescita in modo molto complicato e quasi assurdo , visto che il libro si colloca nei fantasy.
    Non molto adatto a qualsiasi genere di lettore.
    Il film ha un cast veramente importante per attirare l’attenzione su un film che sì segue la trama del libro in modo abbastanza fedele ma non riesce a chiarire con le immagini quelle che sono le perplessità che restano dopo aver finito di leggere il libro.
    Belli gli effetti speciali e molto buona la fotografia ma per il resto tutto resta nebuloso … un po’ come il libro.
    se vi va di buttarvi in un incontro religione, scienza e definitela un po’ come volete .. allora leggete il libro e dopo guardate il film… al contrario non vale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: